Hotel Solaria

via Trieste n. 8 - 71012 Rodi Garganico (FG)    Info Line: 0884.966200

Isole Tremiti

isole_tremitiDal 1989 le Isole Tremiti sono Riserva Naturale Marina appartenente al Parco Nazionale del Gargano. Abitate fin da età antichissima, le Isole Tremiti erano dette insulae Diomedeae dal nome dell’eroe greco Diomede che, secondo il mito, avrebbe qui trovato sepoltura.

Nelle tre isole maggiori, le coste frastagliate abbondano di cale e di grotte: i fondali si rivelano ora sabbiosi ora colmi di ciottoli, l’acqua è sempre limpida e trasparente. Isola di San Domino, la più grande delle Isole Tremiti e la più bella sotto il profilo paesaggistico.

Ha coste rocciose molto frastagliate e bellissime grotte marine come quella del Sale, la grotta delle Viole, la grotta delle Murene e la grotta del Bue marino. Avvincente è la visitada farsi in barca alla grotta delle Rondinelle e a quella del Coccodrillo.

Isola di San Nicola, la più piccola delle tre isole, ma anche il centro storico, religioso e amministrativo. Qui sorge il complesso abbaziale di Santa Maria a Mare fondato dai benedettini nel 1045.

Isola di Capraia, rocciosa e scoscesa lungo la costa, pianeggiante alla sommità. Notevoli anche in quest’isola le numerose grotte marine dagli inimitabili riflessi dell’acqua.Da qualche anno è stata posizionata una statua di Padre Pio sott’acqua.

La fauna ittica è ricca di cefali, occhiate, triglie, saraghi e grosse cernie. Nei crepacci ci sono aragoste e ricci.Nella grotta del Bue marino un tempo s’annidava la foca mediterranea, specie oggi quasi completamente estinta.

Non bisogna dimenticare la rara specie di uccelli, più piccoli dei gabbiani e dal becco giallo, che prende il nome di Diomedee. Nei tramonti primaverili s’annidano sulle scogliere e lanciano un verso lamentoso. Piangono – come vuole la leggenda – la morte del prode guerriero Diomede, qui sepolto dopo la distruzione di Troia. La leggenda aggiunge che questi uccelli sono i compagni d’arme di Diomede. Piansero tanto la fine del guerriero che Venere li trasformò in splendidi uccelli destinati a piangere il loro amico per sempre.

Da vedere Fortezza della Badia, Tomba di Diomede, Abbazia di Santa Maria a Mare.

error: Contenuto protetto!